Ominide 1144 punti

Rivolte e rivoluzioni nel XIX secolo


Stati Uniti


Divenuti indipendenti nel 1776, gli Stati uniti intrapresero la conquista dei territori dell’Ovest ancora abitati dalle popolazioni indigene , le tribù indiane. Gli indiani furono sterminati e spogliati delle loro terre , che vennero occupate dai pionieri bianchi in cerca di fortuna.

America latina


Nel sud del continente americano le colonie iberiche si ribellarono alla madrepatria raggiungendo l’indipendenza , senza tuttavia trovare una via unitaria e frammentandosi in un mosaico di Stati diversi e politicamente deboli.

I Balcani e l’Egitto


La Grecia, la Serbia e l’Egitto si liberarono dal dominio dell’Impero ottomano , che si avviò verso un lento declino.

Il Giappone


Il Giappone riuscì a mantenere il suo isolamento dal resto del mondo fino agli anni Sessanta dell’Ottocento , quando il Paese avviò una politica di riforme in senso nazionalista e di modernizzazione economica.

Asia


In Asia, la Cina e l’India finirono per cedere alla pressione degli Europei , soprattutto degli inglesi.

Oceania


L’Oceania, fino ad allora trascurata nei progetti di espansione europea, cominciò a popolarsi di cittadini emigrati da tutti i continenti ed entrò definitivamente nella sfera d’influenza britannica.

Africa


L’Africa nel corso dell’Ottocento divenne un’area di conquista per tutte le potenze europee ,che miravano alle sue ricchezze naturali. Nel Sud Africa gli insediamenti olandesi dei Boeri vennero cancellati dalla presenza inglese , provocando massicce migrazioni, ribellioni e guerre con le popolazioni locali.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email