Ominide 1131 punti

La Germania perde la guerra, viene proclamata repubblica il 9 novembre del 18. Questa repubblica da una costituzione eleggendo un’assemblea costituente che si riunisci nella città di Weimar, dove viene elaborata la costituzione tedesca perciò viene chiamata repubblica di Weimar. La repubblica tedesca dal 19 in poi è detta repubblica di Weimar perché lì si riunisce l’assemblea costituente ed elabora una costituzione che è quella che permetterà di governare la Germania per un po’ più di un decennio. Questa costituzione da una parte è democratica, prevede il voto alle donne, prevede il suffragio universale maschile, riconosce tutti i diritti fondamentali del cittadino, fa della Germania una repubblica federale: repubblica in quanto divisa in regioni (Lander), le quali erano dotate di una buona autonomia. La repubblica di Weimar è una repubblica democratica intramezzata da un sistema politico; questo sistema politico aveva delle fragilità: dare molti poteri al presidente della repubblica, il presidente della repubblica aveva il potere di sospendere l’esecuzione delle leggi e le libertà fondamentali. Questa costituzione da poteri particolari al presidente della repubblica tra cui sospendere le libertà politiche fondamentali e di poter legiferare al di fuori del parlamento, ovvero senza far approvare le leggi al parlamento. Da una parte è democratica perché dà al parlamento tutto il potere però dall’altra però riconosce che in caso di eccezionale pericolo per la repubblica, il presidente della repubblica possa sospendere tutte le libertà e possa fare decreti legge senza l’approvazione del parlamento. Perché fanno questo articolo, che è l’articolo 48? Perché l’atmosfera in cui si svolge la repubblica di Weimar è un’atmosfera in cui si teme una rivoluzione comunista o una rivoluzione di estrema destra e quindi si vuole dare al presidente della repubblica gli strumenti per fermare un eventuale rivoluzione comunista o di estrema destra. Il momento storico in Germania è un momento che viene percepito come di pericolo, pericolo maggiore quello che proviene dalle forze comuniste e quindi si danno al presidente della repubblica dei poteri eccezionali, questi poteri eccezionali verranno sfruttati da Hitler nel momento in cui prenderà il potere. Hitler non avrà bisogno di abolire la costituzione di Weimar perché sfruttando questo articolo, si attribuirà tutti i poteri.

La Germania alla fine del conflitto: da una parte è in ginocchio in quanto la popolazione è stremata dalla guerra e dall’altra sembra imminente una rivoluzione comunista. I comunisti tedeschi fondano un partito che poi diventerà il partito comunista tedesco, ma che subito si chiama lega di Spartaco. I due esponenti fondamentali di questa lega sono Karl Liebknecht e Rosa Luxemburg. Sono i fondatori del partito comunista, l’idea che era già un’idea di Lenin è che la rivoluzione sarebbe scoppiata in Germania. Lenin aveva firmato gli accordi di Brest-Litovsk, partendo dall’idea che era imminente la rivoluzione comunista mondiale e che questa rivoluzione sarebbe partita dallo stato sconfitto in guerra, cioè la Germania. Karl e Rosa pensano che questo sia possibile e fondano il partito comunista e iniziano a spingere per far scoppiare una rivoluzione a Berlino. Come reagisce la repubblica e il presidente della repubblica? Reprimendo nel sangue questa insurrezione degli spartachisti e Karl e Rosa sono uccisi nel gennaio del 19. Siamo immediatamente dopo la guerra, non sono passati neanche due mesi che scoppia un’insurrezione comunista che viene repressa nel sangue. Viene repressa dai Freikorps (corpi liberi/franchi) che sono: l’esercito tedesco era in smobilitazione che la guerra era finita da un mese, quindi i soldati vengono rispediti a casa, molti di loro invece che essere rispediti a casa vengono utilizzati dal governo come una sorta di polizia interna. Svincolati economicamente dallo stato e che vengono utilizzati per reprimere la rivoluzione spartachista. Era gente che credeva della guerra ed era convinto dell’importanza della guerra e spesso era gente che proveniva dall’estrema destra; utilizzano l’esercito in smobilitazione per formare questi Freikorps con cui reprimere la rivoluzione comunista. In Germania la situazione è davvero fragile perché da una parte ci sono i comunisti che vogliono la rivoluzione e i Russi sono convinti che questo avviene e vanno sostenuti; dall’altra si formano tra ex combattenti gruppi di estrema destra tra i quali emergerà il partito nazista. Agli inizi, nel 19 i nazisti sono una delle decine di forze di estrema destra di tipo razzista, antisemita, tutte queste forze di estrema destra avevano programmi simili: cancellare la sconfitta, la pace di Versailles e l’umiliazione. Ecco perché la costituzione di Weimar aveva questo articolo. Però il risultato è una costituzione ibrida, da una parte riconosce l’importanza del parlamento e dall’altra quello del presidente della repubblica, sta a metà strada tra repubblica parlamentare e repubblica presidenziale. Il presidente della repubblica era poi eletto a suffragio diretto da parte del popolo ogni 7 anni. Ci sono tutti questi gruppi di estrema destra tra i quali nasce il partito nazional socialista operaio tedesco. Tutti questi avevano un programma simile: cancellare la pace di Versailles, far tornare grande la Germania, unire tutti i tedeschi. Pensiero di Hitler: cancellare pace di Versailles vista come umiliazione inflitta alla Germania, costruire una grande Germania che riunisca tutti i tedeschi in un unico stato  idee centrali di Hitler. Hitler espone le sue idee nell’opera Mein Kampf (la mia battaglia) 1923. Hitler nel 1923 finisce in prigione, sta 4/5 mesi in prigione, qui in cella detta al suo luogotenente la Mein Kampf, l’idea centrale dell’opera è un’idea fondamentalmente razzista ovvero che la storia del mondo sia fatta dalle razze. La storia, la civiltà è determinata dalla razza. Idea propria del nazismo, differente dalla visione del fascismo. Esistono delle razze superiori come quella ariana e delle razze inferiori come gli slavi che sono destinati a lavorare per la razza superiore o gli ebrei e gli zingari che rappresentano il male. Tutti i mali del mondo derivano dall’ebraismo, in particolare Hitler sostiene che ci siano due teorie contemporanee che appunto sono male: la teoria liberale che secondo lui è la corruzione della borghesia e la teoria Marksista che è la corruzione della classe operaia. Ci sono due classi, borghesia e proletari che sono state corrotte dall’ebraismo attraverso due teorie prodotte anch’esse dall’ebraismo: il liberalismo che è la corruzione della borghesia e il marxismo che è la corruzione della classe operaia. L’ebraismo è innanzitutto una religione e sono ebrei quelli che credono in questa religione. Ogni razza deve avere uno spazio vitale corrispondente alla sua funzione nel mondo come ad esempio la razza superiore (ariana) deve avere uno spazio vitale in proporzione alla sua superiorità, da ciò deriva l’idea della grande Germania.
Tonnellate di carta moneta e La ripresa: il 1923 è un anno di ripresa per la Germania perché accadono tre fatti fondamentali: 1) Hitler tenta un colpo di stato nel Lander della Baviera, Hitler tenta quello che si chiama Putsch di Monaco 1923 cioè tenta di prendere il potere nel Lander della Baviera, questo tentativo fallisce e lui viene imprigionato. 2) I francesi invadono la Ruhr, fiume che ha un bacino carbonifero. La invadono perché i tedeschi erano in ritardo con i pagamenti del debito di guerra e decidono di prendersi il carbone che i tedeschi gli dovevano come pagamento. 3) Iperinflazione che scoppia in Germania, il marco si polverizza fino a quando alla fine dell’anno viene cancellato e sostituito da un nuovo marco. Questo mette l’economia tedesca in ginocchio, mette soprattutto in ginocchio le classi medie che non sono difesi da una simile inflazione. Addirittura gli stipendi venivano decisi di settimana in settimana. Il risultato qual è? Crollo del marco, impoverimento di coloro che avevano risparmi e che vivevano di stipendi che si vedono impoveriti. La Germania esce da questa crisi grazie all’intervento degli Stati Uniti. Il finanziere Dawes nel 1924 fa un piano economico: gli americani imprestano ai tedeschi i soldi necessari per la ricostruzione dell’economia tedesca. E grazie a questo intervento possono ripagare i debiti. Gli americani ne ricavano dei buoni profitti dai loro investimenti perché la Germania aveva delle industrie efficienti a cui mancavano solo i capitali. Gli stati uniti hanno denaro in eccesso perché avevano prestato denaro a tutti gli stati che dovevano finanziare la guerra e questo denaro stava tornando nelle tasche degli stati uniti.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email