Tutti i processi della delocalizzazione sono resi possibili dalla grande trasformazione dei sistemi di elaborazione e di comunicazione delle informazioni prodotte dalla rivoluzione informatica, cioè dalla messa a punto di computer tecnologicamente affidabili, maneggevoli e relativamente poco costose. Oltre che come strumento di uso domestico, il computer trova subito un'applicazione importante nei processi di produzione industriale, nel senso che, a partire dagli anni Ottanta le linee di produzione industriale e di assemblaggio di pezzi (per esempio per montare parte di un'automobile o di un televisore, o di altri tipi di merci) possono essere programmate e gestite attraverso dei computer che attivano strumenti automatizzati. Il sistema consente un incredibile risparmio di manodopera: infatti invece di avere più lavoratori che attivano le macchine, o che montano i pezzi, o che si occupano della lavorazione dei prodotti, c'è n'è uno solo che programma, sorveglia e dirige il computer, il quale a sua volta controlla intera linea di produzione: inoltre consente anche di produrre solo quello che il commercio mercato richiede, eliminando le scorte di magazzino. Ma le applicazioni del computer non si fermano qui. Dagli anni 90 comincia a diffondersi un sistema planetario di collegamento dei singoli computer che diventano in grado di dialogare tra loro o di collegarsi al server computer di servizio che ospitano pagine informative costruite da privati, da ditte commerciali o da istituzioni statali. Il sistema chiamato internet consente anche la comunicazione diretta tra i singoli utenti che vogliono scambiarsi messaggi attraverso la rete telematica: è il sistema della posta elettronica in grado di mettere in contatto, in tempo reale cioè immediatamente, un utente che abita in Cile con un utente che abita a capo Nord, senza che ci siano particolari problemi tecnici. Tutto ciò ha ulteriori effetti economici. La possibilità di comunicare per iscritto in tempo reale con ogni parte del mondo facilita enormemente l'efficienza della delocalizzazione, una ditta situata in una qualunque parte dell'Occidente (Stati Uniti o Europa) può contattare in ogni momento le imprese a essa collegate che si trovano da qualche altra parte del mondo, a decine di migliaia di chilometri di distanza. Al tempo stesso ogni ditta può delocalizzare i servizi di assistenza, se ciò le torna conveniente, i call center (cioè i centri telefonici di assistenza) o i computing center (i centri di assistenza telematica) di una ditta che ha la sua sede principale nei Stati Uniti possono fisicamente trovarsi in India, o in Cina, o in Indonesia.

Allo stesso modo i collegamenti finanziari (spostamento di capitali, mobilità dei valori borsistici) sono ora un'operazione immediata e di grandissima rapidità così come immediatamente è possibile disporre di mezzi di pagamento telematico (carte di credito, forme di moneta virtuale) che consentono anche ai singoli individui di effettuare i pagamenti per grosse somme senza dover spostare fisicamente nemmeno una banconota.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità