simohpe di simohpe
Ominide 849 punti

La politica espansionistica della Germania di Guglielmo

Nella lotta per il predominio mondiale la Germania si presentava come antagonista della Francia e della Gran Bretagna. Fino a quel momento, Bismarck aveva mirato al mantenimento dell'equilibrio tra le grandi potenze europee e a una prudente espansione coloniale. Il nuovo imperatore, Guglielmo II intendeva assumere un ruolo personale decisivo nella vita politica tedesca. Ma quando, Bismarck si dimise, egli non trovò subito un fedele esecutore della sua linea politica. Il nuovo cancelliere, Caprivi intendeva infatti dare avvio a un nuova politica di indirizzo più liberale. Caprivi strinse invece accordi con la Gran Bretagna e perciò fu allontanato dal governo. Un cancelliere di rilevante prestigio fu, Btilow che condivise in pieno la linea espansionistica di Guglielmo II. infatti cercò di realizzare l'espansionismo anche sul piano economico, avviando la costruzione di una linea ferroviaria fino a Baghdad. Il parlamento non seppe limitare le iniziative di Guglielmo II, la forza dei socialdemocratici andava però crescendo nel paese. La loro affermazione tra gli operai era facilitata dall'atteggiamento degli indusziali, che sembravano avere come modello il comportamento di Guglielmo II. Essi trattavano i loro dipendenti come soldati, intervenendo talvolta anche nella loro vita privata.

Il rafforzamento dell'esercito e della flotta

La politica di Guglielmo II non era rivolta a provocare, uno scontro con la Gran Bretagna. L'imperatore riteneva anzi che, se avessero proceduto fianco a fianco, Germania e Gran Bretagna avrebbero potuto difendere gli interessi dell'intera Europa. Ma lo scontro con la Gran Bretagna era inevitabile. Fu promossa una politica di armamenti: dal 1878 alla fine del secolo le spese militari si triplicarono. Gli sforzi maggiori furono compiuti nella costruzione di una grande flotta militare. Ma l'obiettivo non fu raggiunto: gli inglesi, infatti, vararono anch'essi nuove navi da guerra e la sfida si risolse in una corsa agli armamenti, che richiese spese crescenti da parte di entrambi i paesi. Sia in Gran Bretagna sia in Germania, infatti, intorno all'industria bellica si coagulavano forti interessi economici.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email