Video appunto: Crollo di Wall Street
Il crollo di Wall Street
Dopo la guerra la prosperità statunitense incrementa la produzione dei beni di consumo durevole che alimenta il sistema economico. Si tratta però di un mercato dinamico all’inizio, per cui anche le azioni registrano un periodo estremamente positivo, ma facilmente saturabile. Attorno al 1926 le vendite inizia a diminuire anche se il valore delle azioni non fa altrettanto, finché nel 1929 alcuni investitori capiscono la situazione di perdita che si va delineando e vendono le proprie azioni.