1852: sottoscritto a Londra trattato internazionale Schleswig-Holstein due Ducati adiacenti alla Danimarca (di tradizione tedesca) appartenente però alla confederazione germanica, ma sotto la sovranità danese.

La questione dello Schleswig-Holstein 1863
Sovrano danese pretende di incorporare due Ducati, infiamma i sentimenti nazionalisti tedeschi.

1864 Austria e Prussia di fronte per difendere la questione BISMARK riesce nella fase risolutiva:
- sconfitta Danimarca, perdita di due Ducati
- Prussia mantiene iniziativa, Austria in secondo piano.

Preludio per un diretto scontro perché in un tentativo di arrivare in Germania più sorta di spartizione tra un'area di influenza prussiana e di influenza austriaca fu respinto dall'austria.

Le iniziative diplomatiche di BISMARK: doveva accertarsi che le grandi potenze non sarebbero intervenute.
Da prova delle sue grandi abilità diplomatiche: neutralità della Russia (certa) Inghilterra (forse). Atteggiamento della Francia non certo.

Napoleone III ricerca nuove occasioni di prestigio, e si lascia coinvolgere in un progetto a,vizioso che avrebbe dovuto indirizzare una guerra civile di Messico verso la creazione di un impero, la cui corono fu affidata a Massimiliano d'Asburgo.

1864 l'accetta va in Messico e vi trova la morte, ma l'impero avrebbe dovuto gravitare intorno alla Francia.
1865 fiasco la Francia si ritira. Napoleone III offeso nel'orgoglio vuole rivalsa.
BISMARK riuscì a fargli credere che la sua neutralità nel caso della guerra tra Prussia e Austria lo avrebbe portato ad estendere il dominio fino ai Paesi Bassi e anche nella regione renana, e ad ottenere il suo patrocinio ad una alleanza Prussia - Italia, desideroso di impegnare le truppe austriache su un altro fronte in caso di sconfitta Austriaca, l'Italia avrebbe ottenuto Verona.

Napoleone III e BISMARK, incontro a Biarritz, alleanza tra Prussia e Italia (8.4.1866): poco dopo contratti relativi del Ducati Holstein fornirono alla Prussia occasione per provocare l'Austria.

14 giugno 1866 guerra tra Prussia e Austria: esercito prussiano ben armato e condotto da Moltke, fu invincibile (sottovalutato).
3 luglio: battaglia decisiva a Sadowa in Boemia, sconfitti Austriaci
24 giugno: Custoza (Per terra e non per mare
20 luglio: Lima. Sconfitta dell'Italia). III guerra di indipendenza

23 agosto: firmata la Pace a Praga
Pace di Vienna con Italia: attraverso Napoleone III Italia ottiene il Veneto
Pace di Praga con Prussia: Austria non perdite territoriali, ma perde influenza su altri stati tedeschi.

Prussia: due Ducati danesi - Assia, Hannover, Nassau alleati dell'Austria - Francoforte città libera.

La confederazione della Germania del Nord: ristrutturata la confederazione Germania Austria viene estromessa e tutti i territori S Nord del fiume Meno, sono sotto la guida della Prussia.
Gli Stati meridionali (Baviera, Baden, Wuttemberg) rimasero indipendenti ma sottoscritti agli accordi con Prussia:
Sotto Guglielmo I e BISMARK cancelliere federale, in caso di guerra, loro eserciti con Prussia.

La vittoria in guerra chiude la crisi costituzionale in Prussia:
BISMARK di fronte al parla,enti ottiene:
- che fosse passata la legge che approvava spese precedenti e sanava ogni regolarità
- introdusse nella Costituzione della Confederazione Germanica il suffragio universale maschile e per l'elezione del parlamento credendo che i contadini e gli artigiani fossero più conservatori dei ceti medi (avevano già voto dalla costituzione prussiana), mossa azzardata lo privo delle simpatie ambienti conservatori.

Nascita impero austro - ungarico:
Fine guerra 1866 riforma interna, più spazio alle autonomia locali. Francesco Giuseppe accolse in parte la proposta di indipendenza degli Ungheresi.
1867: con la Costituzione l'Austria diventava
duplice Monarchia : sovrano imperatore (Austria e Ungheria) due costituzione, due ministri interno, due parlamento, due lingue affiancate.

Unità impero: politica estera, difesa, finanze, stessa moneta e sistema postale.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email