sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

L’Impero Austro-Ungarico

L’unione degli Stati Tedeschi sotto un unico Stato Unitario causò problemi anche nei territori dell’Impero Austriaco, oltre che nella Francia.
Le Rivoluzioni del 1848-49 non portarono ad alcun significativo mutamento, visto che le costituzioni concesse vennero infine revocate.
A capo dell’Impero Austriaco vi era il giovane Francesco Giuseppe, il quale per ottenere riconoscenze dei contadini, non fece revocare i diritti feudali e della servitù della gleba, in modo da evitare nuove situazioni insurrezionali; invece le élite urbane e nobiliari fondavano gruppi culturali e politici che inneggiavano all’indipendenza delle varie aree componenti dell’Impero.
Altro punto a rischio erano le diverse etnie delle popolazioni appartenenti all’Impero, cosa che causa una grave debolezza interna.

Però i principali problemi dell’Impero sono dati dalla Politica Estera, infatti l’Austria aveva perso diverse guerre, perdendo zone importanti come il Lombardo-Veneto e perdendo il controllo anche sulle regioni tedesche centro-settentrionali.

Vista la situazione, per riorganizzare l’Impero venne concessa una prima Costituzione nel 1861, che conferma l’assetto centralista dell’Impero, cosa che però crea diversi dissensi tra gli Ungheresi; questa Costituzione venne poi modificata nel 1867, dopo la sconfitta in guerra contro la Prussia; ora l’Impero Austriaco è diventato Austro-Ungarico.
Infatti la nuova Costituzione del 1867 riconosce l’esistenza di due stati distinti: l’Austria e il Regno di Ungheria e Francesco Giuseppe è allo stesso tempo Imperatore di Austria e Re di Ungheria.
I due Stati hanno dunque un unico Sovrano e possiedono in comune i Ministri di: Guerra, Finanze e Esteri.
Accanto al Sovrano vi sono poi due distinti Governi, uno per l’Austria e l’altro per l’Ungheria.
Inoltre vi sono anche due Parlamenti, uno a Vienna e uno a Budapest; entrambi hanno una struttura Bicamerale, con un Senato composto da membri ereditari nominati dall’Imperatore; le Camere invece sono elette differentemente: quella Ungherese è eletta a suffragio censitario, quella Austriaca con un complicato sistema, che favorisce maggiori rappresentati alle classi sociali più alte.

Questo nuovo assetto è riuscito a portare alla stabilità l’Impero, dopo una serie di gravi crisi.
La stabilità si basa sul: consenso delle campagne e marginalizzazione dei gruppi nazionali slavi e di quello rumeno nel governo imperiale, lasciando uno spazio dominante ai Tedeschi e agli Ungheresi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità