Ma_fack di Ma_fack
Ominide 1415 punti

I mancati finanziamenti statunitensi, dovuti alla crisi del '29, non permisero più alla Germania di far fronte alle riparazioni di guerra. Ciò portò ad un aumento della disoccupazione e la Repubblica di Weimar vide sfumare sempre di più le proprie speranze di sopravvivenza. L'estremismo di destra costituito dal Partito Nazionalsocialista di Hitler, uscito di prigione dopo otto mesi di reclusione, ebbe un aumento notevole dei consensi.
Nel 1932 i nazisti ottennero un grande successo elettorale tuttavia Hitler non riesce ad ottenere la presidenza in quanto i democratici, pur di non appoggiare Hitler, decidono di votare ancora Hindenburg. L'anno successivo, Il Presidente della Repubblica decide di affidare a Hitler il compito di formare un nuovo governo nominandolo cancelliere. Nemmeno un mese dopo, il Palazzo del Reichstag, il parlamento tedesco, viene incendiato in seguito ad un atto terroristico a causa, forse, di un comunista olandese. Ciò fornì a Hitler un motivo per poter cominciare un'opera di repressione verso le opposizioni limitando inoltre anche i diritti civili e d'espressione.

Con le nuove elezioni del 1933, un mese dopo l'incendio, i nazisti ottengono il 44 % dei voti e il Parlamento vota i pieni poteri a Hitler. Il cancelliere decide così di sciogliere tutte le opposizioni così come i sindacati. Si occupò poi delle Sa, le quali vennero eliminate fisicamente dalle SS (guardie personali di Hitler guidate da Himmler, Shutz-Staffeln) e creò inoltre la Gestapo (polizia politica).
L'ascesa di Hitler fu dovuta principalmente alla crisi ma anche all'appoggio delle caste militari e della grande borghesia che si rispecchiavano nella sua ideologia. Oltre a questi vi era poi il “nuovo ceto medio”, ossia quello strato sociale desideroso di distinguersi dal proletariato.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email