fra9295 di fra9295
Eliminato 567 punti

India - Gandhi

Gli indiani in questo periodo volevano sempre di più riconquistare l’indipendenza dal controllo inglese, sia perché lo sfruttamento della popolazione era cresciuto in maniera esponenziale sia per un discorso strettamente politico e ideologico.
Fu proprio all’inizio del diciannovesimo secolo che si impose la figura di uno delle più importanti e singolari figure della storia dell’umanità: Gandhi. Egli basò tutto il suo pensiero sulla rivoluzione non violenta chiamata Satigraa (“lotta non violenta con la potenza dello spirito”), che andò avanti anche dopo il massacro di Amritsar del 1924 dove morirono moltissime persone.
La rivoluzione non violenta portata avanti da Gandhi aveva come obiettivo riportare il popolo indiano alla libertà originaria in modo pacifico (quando i soldati inglesi andavano incontro agli indiani con il manganello, loro si accasciavano al suolo senza reagire).

Gandhi, nato il 2 ottobre del 1869, si formò in Inghilterra, studiando Giurisprudenza a Londra. Ebbe fin dall’inizio idee di stampo liberale finalizzate ad aiutare gli oppressi e i deboli, in un India divisa tra diverse etnie e religioni (indù e mussulmani); voleva arrivare all’indipendenza superando tutte le discriminazioni sociali e restituendo al paese la sua originaria unità.
La forza del Mahdma (“grande anima”) era concentrata soprattutto nella chiarezza dell’esposizione dei suoi obiettivi, nella forza e determinazione che aveva nel raggiungerli e nella sua incredibile capacità di sbaragliare gli avversari; grazie a queste grandi qualità riuscì ad ottenere risultati concreti.
Alla rivoluzione pacifica portata avanti da Gandhi gli inglesi reagirono con violente repressioni, ma ottennero effetti contrari a quelli desiderati, infatti, i seguaci del Mahatma non reagirono ai colpi inflitti loro dalle truppe inglesi.
Questa tattica repressiva inglese che quindi non ottiene i risultati, porta le truppe inglesi a ritirarsi, in questo modo l’India entra a far parte del Commonwealth, anche se la vera indipendenza formale la otterrà solo nel 1947.
Nel 1948 un fanatico indù uccide Gandhi e quindi il potere passa nelle mani di Neru, il quale entra in forte competizione con il Partito Comunista Indiano.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email