Ominide 29 punti

Il fascismo


In Italia si sviluppò sotto la guida di Benito Mussolini il fascismo, dove fu incaricato da Vittorio Emanuele 3 di formare il governo.
IL fascismo ha avuto origine nel nostro paese come reazione e conseguenza della grave crisi politica ed economica seguita alla prima guerra mondiale.
In pochi anni il governo fascista instaurò una dittatura eliminando ogni forma di democrazia, i partiti politici contrari al fascismo vennero eliminati, fu soppressa la libertà di stampa e di parola, e la pena di morte fu ripristinata. Il fascismo diventò un vero e proprio regime, anche la scuola diventa fascista, i giovani venivano educati all’obbedienza e alla disciplina, all’esaltazione del capo e alle sue imprese.
I 3 aspetti fondamentali che fanno parte della politica di mussolini sono:
-La bonifica delle paludi;
-La battaglia del grano;
-I patti lateranensi.
La battaglia del grano fu un provvedimento affinché la nazione italiana rendesse indipendente la produzione del grano e non si doveva più importare grano ad altri paesi.
La bonifica delle paludi fece risollevare l’Italia dalla profonda crisi economica
I patti lateranensi, con essi il pontefice riconosceva Roma come capitale dell’Italia e in cambio l’Italia dovrà alla chiesa un piccolo territorio intorno alla basilica di San Pietro (la città del Vaticano)
Lo stato Italiano riconosce che l’unica religione era quella Cattolica, che il matrimonio ha anche validità civile, che nelle scuole dovesse esserci l’insegnante di religione.
L’altra grossa dittatura che, sia pure con caratteristiche diverse, si sviluppò nel primo dopoguerra è quella di Hitler.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email