Eventi 1939-1940

Settembre 1939- primavera 1940: conquiste naziste e sovietiche
Nel settembre 1939, a una settimana dalla firma del patto franco-tedesco di non aggressione (patto Ribbentrop-Molotov) la Germania attacca la Polonia e, in neppure tre settimane attraverso una guerra lampo (guerra di movimento supportata da carri armati, fanteria motorizzata e aerei da bombardamento) la conquista.
A beneficiare dell’attacco alla Polonia fu anche la Russia (Stalin) che, secondo il protocollo segreto del patto Ribbentrop-Molotov, tra il settembre del 1939 e la primavera del 1940 invase le regioni orientali del territorio polacco. Così la Polonia venne spartita tra Russia e Germania (Hitler: Danzica e “corridoio”; Stalin: Lituania, Estonia e Lettonia). Nel novembre 1939 attaccò la Finlandia, che dopo 4 mesi di resistenza fu costretta alla resa e a cedere diversi territori. Nel giugno 1940 la Romania sconfitta cedette all’Urss la Bessarabia e la Bucovina.

All’aprile 1940 risale l’occupazione nazista di Danimarca e Norvegia per ragioni strategiche (basi per la guerra sottomarina) ed economiche (acciaio norvegese); in Norvegia fu inoltre imposto un governo collaborazionista.Il 10 maggio 1940 la Germania invase il Lussemburgo, l’Olanda e il Belgio di cui fu, nuovamente, violata la neutralità. Così le truppe tedesche penetrarono nel territorio francese. Lo scontro decisivo avvenne presso Sedan (alcune divisioni tedesche dilagarono nella pianura francese, altre corsero verso la Manica chiudendo un milione di francesi/tedeschi/belgi nella cosiddetta sacca di Dunkerque).

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email