Ominide 11 punti

Dopoguerra

Nel 1919 il dopoguerra in Italia si sviluppò con la "Pace Mutilata" perché non era riuscita ad ottenere la città di fiume e le coste delta Dalmazia. Questo provocò la diffusione delle idee nazionaliste, infatti, ci fu la spedizione di Gabriele D'Annunzio che cercò di conquistare fiume. Nel 1920 con il trattato di Rapallo fiume divenne indipendente. In Italia a causa delle spese belliche venne introdotta l'inflazione, l'aumento del costo della vita. Nel 1919 si rafforzò il sindacato e nacquero partiti politici:
il socialismo e il partito popolare italiano con Luigi Sturzo che era contro il socialismo e cattolico. Nel 1921 nacquero il it partito

comunista e Mussolini fondò invece il partito fascista . Ci furono nuove elezioni con cui si affermò il fascismo, e ci furono le dimissioni di Giolitti, e i governi di destra furono guidati da
Bonanni e Facta. Nel 1922 ci fu uno sciopero dove i fascisti incendiarono l'Avanti! Il giornale socialista e nello stesso periodo Mussolini arrivò a Napoli per organizzare la marcia
verso Roma. II re Vittorio Emanuele III minacciato da Mussolini fu costretto ad affidargli il governo. Nel 1923 ci fu una nuova legge elettorale. Nel 1924 ci furono nuove elezioni dove Mussolini vinse col 65% , e Matteotti dopo aver dichiarato che la vittoria di Mussolini era un imbroglio fu assassinato. Nel 1925 Mussolini fece un discorso contro la democrazia e
iniziarono a sciogliersi i partiti antifascisti, venne inserita la polizia politica e il sindaco fu scelto dal governo. Nel 1929 con i patti lateranensi Roma divenne capitale e la religione cattolica
divenne religione di stato.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email