dins di dins
Habilis 576 punti

La definizione delle sfere di influenza e le origini della guerra fredda

Furono stabiliti una serie di incontri fra Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Sovietica, che si svolsero tra il ’43-’45; il primo di questi incontri si tenne nel ’43 a Teheran, il secondo nel febbraio del ’45 a Yalta, in Crimea. Nel luglio-agosto del ’45 un terzo a Postdam(Germania), definì le condizioni di pace. La pace e l’assetto dell’Europa postbellica doveva essere decisa dalle grandi potenze, Usa e Urss costituirono nella conferenza di San Francisco del giugno ’45, l’Organizzazione delle nazioni unite(ONU). Concepita per la salvaguardia della pace, racchiudeva altre organizzazioni(OMS,UNESCO,OIL). A Yalta si decise di mantenere unita la Germania, dividendola provvisoriamente in quattro zone di occupazione, una delle quali fu affidata alla Francia. Ma se Yalta rappresentò il passaggio tra guerra e dopoguerra, il vero incontro al vertice tra le potenze vincitrici, fu la conferenza di Potsdam del luglio-agosto ’45; anche se sul pacifico la guerra era ancora in corso. Roosevelt e Churchill, furono sostituiti da Harry Truman e il laburista Attlee. Il confine tedesco-polacco restò provvisoriamente fissato sulla linea Oder-Neisse; la Prussia orientale divenne parte dell’Urss, così come le regioni orientali della Polonia. Successivamente in seguito a piccoli episodi scoppiò la ‘guerra fredda’, che oppose Usa e Urss nel dopoguerra. Il 9 febbraio del ’46, Stalin dichiarò l’inevitabilità di un conflitto tra mondo socialista e mondo capitalista, e il 12 marzo del ’47 il presidente americano enunciò la dottrina ‘Truman’ che: (gli Usa si sarebbero sentiti minacciati da ‘qualunque’ aggressione contro la pace e la libertà ed avrebbero aiutato in ogni modo i popoli liberi a difendersi dai tentativi di asservimento di minoranze o pressioni interne). Con l’avanzamento elettorale del comunismo in Romania, Polonia, Ungheria tra il ’46-’47, e in Cecoslovacchia tra il ’47-’48 il disprezzo di Stalin per le libertà politiche e per l’indipendenza dei popoli danubiani e balcanici aumentò, anche se la sua politica non aveva un espresso carattere espansionistico. Con la politica del containement, del ‘contenimento’ dell’Urss entro i confini della sua area d’influenza, gli Usa intendevano impedire con ogni mezzo, che la sfera d’influenza sovietica si allargasse, contaminando le regioni limitrofe.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email