La crisi della Repubblica di Weimar


Orami stretti nel mondo i rapporti tra economia e politica, ne è un esempio la Germania dove le conseguenze della crisi del '29 furono devastanti.

Una crisi persistente:
Però già prima la Germania era in difficili condizioni economiche, grave instabilità politica.

Successi in politica estera: seconda metà del 1920 distonia tra i successi politica estera e i fallimenti della politica interna.
Con Stresemann poi ministro degli Esteri dal 1924 al 1929 posizione di prestigio per la Germania in campo internazionale.
Una delle maggiori potenze europee però internamente:

Instabilità dei governi:
-varietà dei partiti nessuno da solo forze per tenere il governo
-un governo poteva formarsi solo per coalizione
-ma divisione tra le forze rendeva difficile ogni coalizione

-il maggiore tra i partiti la socialdemocrazia (spd)
Per ragioni storiche (si considerava il partito opposizione)
Per stretta dipendenza da organizzazioni sindacali
Per pressione dalla sinistra (.comunisti)
Per residue ideologie marxiste
Per mediocrità dei suoi dirigenti
Mancava di quelle qualità necessarie per essere un partito di governo per presentarsi come forza politica nazionale e non settoriale in più no simpatia dei giovani.

Rimpianti per la Germania imperiale:
I valori repubblicani avevano ancora una vita stentata
La Germania imperiale rimaneva la patria ideale
Dopo il 1925 Hindenburg eletto monarchico, nostalgico vecchie istituzioni.
Il sentimento repubblicano si trovava sempre più esposto all'accusa di essere antinazionale e i suoi oppositori erano forti.

Incerta situazione economico-sociale:
1924 catastrofe per inflazione, non ripresa
Anche se la produzione industriale era in movimento, i salari erano bassi e c'era molta disoccupazione.

La stretta dipendenza dell'economia tedesca dalla finanza americana rendeva prevedibile la futura crisi.
I primi a preoccuparsi: poteri militari, pochi dopo trattative di pace ma la forza maggiore con le elezioni di Hindenburg.
1929 ministro della difesa Groener generale dallo Ststo maggiore vicino a Hindemburg, manifesta preoccupazioni per le difficoltà economiche, conflitti politici, per questo indicò esponente del centro - cattolico Brüning (+1970)

Maggio 1928 elezioni:
Confermano socialdemocrazia come il partito S capo del governo, un cancelliere socialdemocratico Müller (+1931)
Di fronte alla crisi economica il suo governo attuò un governo di coalizione ma c'era una difficoltà in più, era morto Stresemann 1929 ottobre.

1930 Müller e governo si dimettono

Governo Brüning:
Autoritario, fervente cattolico, ammiratore dell'esercito
Considerato esperto di economia e aveva propositi per risanamento economico attraverso i tagli alle spese sociali e sacrifici.
Ma al Reichstag non c'erano più consensi di maggioranza
In accordo con Hindemburg si ricorse allora ad un artificio:
Applicazione dell'art 48 della costituzione il quale consentiva al presidente di emanare provvedimenti di legge per semplice decreto (senza approvazione parlamento) e anche di fare uso delle forze armate in situazioni di emergenza.
Di fatto le condizioni del paese non giustificavano il ricorso a questo articolo.
Ma con appoggio di Hindemburg presidente Brüneg continuò per la sua strada e contro l'opposizione parlamentare nel luglio 1930 scioglie il Reichstag è indice nuove elezioni.

14 settembre 1930: nuove elezioni:
Importante perché nella storia della Germania e nell'Europa si ha una svolta emerge una nuova forza politica:
Il partito nazionale socialista (nsdap)già presente nella vita pubblica ma sino allora ai margini.

Ascesa elettrica le dei nazisti:
1928 i nazionalsocialisti 800000voti: 12 seggi al Reichstag
1930 6400000:107 seggi, da qui posizione di primo piano con Hitler.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email