Ominide 2147 punti

La guerra totale (o mondiale, di massa)

La guerra mostrò dei caratteri del tutto nuovi rispetto a ogni conflitto precedente: per numero di stati coinvolti, per dimensioni degli eserciti, quantità delle risorse umane, materiali e tecnologie, per potenza distruttiva espressa. La guerra fu subito definita “grande guerra”, perché parve un fenomeno gigantesco, destinato a segnare la storia del secolo.

I caratteri della guerra totale
Gli storici hanno usato l’aggettivo “totale” per tre ragioni:
1. Ragioni geografiche: l’84% del globo apparteneva all’Europa e il fatto rendeva la guerra un evento planetario: parteciparono australiani, neozelandesi, africani, indiani..
La guerra coinvolse popoli lontanissimi, chiamati a rischiare la vita per la prima volta nello stesso momento.
2. Dal punto di vista quantitativo:

- Nessun conflitto aveva mobilitato così tante persone: non solo al fronte, ma anche nelle fabbriche, nelle città, nelle campagne, nelle colonie, per garantire armi, munizioni e approvvigionamenti;
- Numero di morti: furono circa 9 milioni tra i combattenti, a cui vanno aggiunti i dispersi, i feriti;
- Capacità distruttive dei nuovi armamenti: totali furono anche i mezzi impiegati, senza limiti di natura giuridica e moale.
3. Strategica: la posta in gioco era il potere mondiale. Non ci si batteva più per nuovi territori, ma si voleva la resa incondizionata del nemico.

La trincea: il simbolo della Grande guerra

Molto presto cessò l’illusione di una guerra breve, e la guerra divenne di posizione.
Trovò luogo nella trincea: centinaia di chilometrici camminamenti scavati lungo i fronti, dove vivevano milioni di soldati, esposti al fuoco della linea nemica, parallela spesso a poche centinaia di metri di distanza, al di là della “terra di nessuno”.
La tecnologia aveva dotato gli eserciti di armi di tale potenza da rendere impossibili gli scontri corpo a corpo: mitragliatrici, obici, morati, carri armati, aeroplani divennero i protagonisti in battaglia.
La guerra fu definita “inutile strage” da papa Benedetto XV.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità