Ominide 4554 punti

Napoleone Bonaparte - Carriera militare e carriera politica


Napoleone nacque in Corsica ad Ajaccio nel 1769. Divenne generale dell’esercito francese a soli 25 anni. Napoleone si distinse con onore nella battaglia tra Francia e Austria del 1796 tanto che a decretare il successo francese fu la campagna Napoleonica in Italia. Conquistò Nizza, la Savoia, Venezia e si spinse fino allo Stato Pontificio. Dovunque si presentava come liberatore dei popoli oppressi. Giunse fino a Vienna dove costrinse gli Austriaci a chiedere la pace. Con il trattato di Campoformio del 1797, la Francia ottenne la Lombardia, l’Emilia e i territori ad Occidente del Reno; in cambio, però, cedette all’Austria Venezia, Istria e Dalmazia; il Regno di Sardegna cedette alla Francia Nizza e la Savoia. Nei territori conquistati nacquero delle repubbliche sottoposte alla Francia, chiamate “repubbliche sorelle”: la Repubblica Cisalpina con capitale Milano, la Repubblica Ligure, la Repubblica Romana (Stato Pontificio) e la Repubblica Partenopea.
Per indebolire l’Inghilterra, il Direttorio decise di inviare Napoleone a conquistare l’Egitto che apparteneva all’impero Turco ma era un importante crocevia dei traffici britannici con l’oriente. La spedizione ebbe inizio nel 1798. Napoleone riuscì subito a ottenere una vittoria nella battaglia delle piramidi vicino al Cairo; gli inglesi, però, contrattaccarono e distrussero la flotta di Napoleone nei pressi di Abukir. Napoleone riesce, tuttavia, a fuggire dall’Egitto e tornare in Francia dove, il 9 Novembre 1799 fece un vero e proprio colpo di Stato: occupò con le sue truppe il Parlamento, proclamò la Patria in pericolo e impose una nuova forma di governo, il consolato. Questo governo era formato da tre uomini, Cambaceres, Napoleone e Lebrun, ma solo uno aveva tutti i poteri, il primo console (Napoleone).
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email