Abolizione del dazio sul grano

Tory (conservatori) Wigh (liberali)
Questione di importanza economica e politico-sociale.
- Economica: mantenevano elevato il prezzo del pane - questo influiva negativamente sull'alimentazione dei ceti popolari - deprimeva i salari dei lavoratori industriali, bassa capacità di acquisto.
- Politico-sociale: artificio per assicurare a spese della comunità un vantaggio economico, un privilegio che mantenesse alto il prestigio dell'aristocrazia.

La posta in gioco era: il sistema sociale, e il potere che ne deriva
- sostenitori dell'antica oligarchia ( campagne, possedimenti terreni)
- nuove forze sociali (solo in parte borghesi)

La lega di Manchester: 1838 (lega contro la legge sul grano) fondata da due figure di industriali e riformatori
(1811-1889) John Bright - (1804-1865) Richard Coladen - opera di propaganda per denunciare iniquità per avere dalla loro parte dei ceti medi e classi popolari.

1841 tornano al potere i Conservatori guidati da Peel
1845 forte carestia soprattutto in Irlanda, Peel ne fu colpito e trovò la soluzione per la questione:
1846 approvazione legge che, abolendo il dazio, apriva in Inghilterra una lunga stagione di libero scambio.
1845 Disraeli "Sibyl" sua opera sulla Gran Bretagna dicendo che vi sono due nazioni, quella dei poveri e quella dei ricchi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email