Ominide 2472 punti

Un altro polo importante del rinascimento sono i Paesi Bassi perché hanno in comune con Firenze commerci, banchieri e ricchezza.
Van Eyck è un artista molto importante di quella zona. Egli adotta la pittura ad olio, più luminosa e resistente, che si asciuga più lentamente permettendo di correggere maggiormente. Il dettaglio è molto maggiore, i fiamminghi sono i re dei dettagli.
I due coniugi Arnolfini (rappresentati nell’opera) sono italiani ma dall’ambientazione si vede che non siamo in Italia.
Prevalgono le linee scure. I particolari sono un po’ ovunque. Una cosa che avrebbe fatto inorridire Brunelleschi sono gli zoccoli, tagliati dall’inquadratura. Si mettono anche questi dettagli in prospettiva. E’ un segnale che i due coniugi stanno nell’intimità della loro casa.

Da noi il ritratto sarebbe stato fatto con le tende dietro, mentre qua viene descritta l’intimità della casa di un ricco commerciante. La moglie è incinta e l’idea di essere rappresentato non evidenzia il matrimonio ma vuole sancirlo.
Lui indossa un abito di pelliccia e ha un volto pallidissimo. E’ tipico delle opere nordiche l’esaltazione della pelle pallida. Non sembra essere un matrimonio così felice: date le espressioni dei due e la loro distanza, l’opera fa pensare ad un matrimonio combinato.
Lo specchio è un virtuosismo di prospettiva perché è curvo. Inquadra la stanza e ne deforma l’immagine. Van Eyck studia la prospettiva di Brunelleschi ma anche la distorsione dell’immagine. Nello specchio si vedono altri uomini: uno sicuramente è il pittore.
Altri gesti di familiarità (e di disordine) sono le ciabatte a terra, il cagnolino. C’è il letto a baldacchino e della frutta, che al Nord non è molto diffusa, quindi fa pensare ad una famiglia ricca.
La luce della scena è ottenuta dalla pittura ad olio.
Senza Van Eyck e la pittura ad olio non sarebbe potuta esistere la gioconda.
Con la pittura ad olio si possono fare anche se cosiddette velature (parti in trasparenza).
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email