sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-Pala Pesaro-

La Pala Pesaro è un dipinto di Tiziano, commissionatogli da Jacopo Pesaro, un Vescovo.

Ciò che è rappresentato in questo dipinto è una particolare forma della ‘Sacra Conversazione’, infatti sembra avere uno sviluppo laterale e non più frontale, come lo avevano tutte le altre precedenti rappresentazioni della Sacra Conversazione.

Sulla destra vi è l’altare della Madonna, posto di obliquamente; la Vergine tiene in braccio il Bambino ed è attorniata da alcuni Santi, come San Francesco o San Pietro (quello sui gradini, con le chiavi sui piedi), e anche da alcuni membri della famiglia Pesaro, uno di questi è rivolto verso l’osservatore, per dare continuità tra l’opera e l’osservatore stesso (la stessa cosa è presente nella Vergine delle Rocce di Leonardo).

L’Opera è realizzata in modo che lo sguardo vada verso la figura della Madonna, grazie al suo vestito di un rosso molto caldo rispetto ai colori dei vestiti degli altri personaggi raffigurati.

Sullo sfondo vi sono due Colonne senza capitello, che portano lo sguardo dell’osservatore verso l’altro e danno senso di spazialità; questo effetto di dilatare lo spazio verso l’infinito lo si ha anche grazie ai membri della famiglia Pesaro, infatti alcuni sono tagliati e ne è raffigurato solo il volto; questa creazione di una maggiore spazialità è una grande innovazione per il periodo: ciò che è rappresentato in quest’opera sembra essere una fotografia.
In alto vi è una nuvola, sulla quale stanno due angeli, che tengono in mano un crocifisso, simbolo del martirio di Gesù.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email