Ominide 644 punti

Ritratto di Carlo V a cavallo


Il ritratto si trova nel Museo del Prado a Madrid ed è datato 1548. Il Dipinto aveva la funzione di celebrare la battaglia vinta da Carlo, ossia la battaglia di Muhberg contro la lega protestante avvenuta in precedenza alla realizzazione del quadro nel 1547.

Carlo V a cavallo è un esempio di ritratto di Stato, perché l'autore riesce a mettere in evidenza lo stato sociale e politico del sovrano, la cui immagine resta racchiusa in un ritratto altamente celebrativo.

Il sovrano è rappresentato con gli attributi tipici del ritratto di Stato: figura intera e di scorcio ma per altri aspetti Tiziano si distacca dalla tradizione e decide di immortalare il sovrano non in posa ma in azione, a galoppo e con la lancia in mano per alludere al suo ritorno vittorioso dalla battaglia.
Altro elemento che fa comprendere allo spettatore come Tiziano si distacchi dalla tradizione è lo sfondo non temporale, senza riferimenti come era il tipico ritratto ufficiale ma vi colloca un paesaggio probabilmente il luogo dove è avvenuta la battaglia. L'attenzione del pittore per il ritratto, si rivolge in particolare all'armatura, la quale non è ordinaria ma impreziosita per connotare l'appartenenza all'altro rango sociale, così come l'equipaggiamento del cavallo, l'elmo e la fascia legata attorno all'armatura sono indice di regalità. Quanto all'atteggiamento aulico è un elemento tipico del ritratto di Stato, fiero e deciso.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email