blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Jusepe de Ribera - Martirio di san Filippo scaricato 1 volte

Il Martirio di San Filippo - Jusepe de Ribera

Dopo la prima formazione ricevuta in patria, lo spagnolo Jusepe de Ribera, detto lo Spagnoletto, soggiornò brevemente in Lombardia e in Emilia Romagna prima di recarsi a Roma, dove rimase fortemente influenzato dal linguaggio caravaggesco. Nel 1616 si stabilì a Napoli e vi restò fino alla morte. Le opere di Ribera presentano uno stile che reinterpreta la lezione del naturalismo di Caravaggio in toni di crudo realismo, stemperati però in genere dall’utilizzo di una gamma cromatica più accesa e da una calda luminosità. Caratteristica dello Spagnoletto è anche l’insistenza sull’umile miseria dei personaggi, in genere popolari, rappresentata con impietosa lucidità. Queste componenti sono illustrate nel Martirio di san Filippo, dipinto alla fine degli anni trenta, che illustra il momento in cui il corpo del santo, che occupa interamente il primo piano della tela, viene trucemente issato sulla croce. Oltre che dai gesti brutali dei carnefici, l’intensa drammaticità della scena si evince proprio dal corpo emaciato e dall’espressione agonizzante del martire, che si contrappone allo sguardo imperturbato dei curiosi, collocati alle due estremità del dipinto. Mentre il primo piano presenta tonalità scure, lo sfondo è occupato da un cielo azzurro solcato da nubi dorate ,che infonde alla scena una calda luminosità affine alla cromia delle pitture del Cinquecento.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email