J.lee di J.lee
Ominide 1094 punti
Questo appunto contiene un allegato
Raffaello - Trasfigurazione scaricato 27 volte

La trasfigurazione - Raffaello

Opera religiosa di tipo rinascimentale, che narra due distinti racconti evangelici: nella parte superiore la trasfigurazione di Cristo, in quella inferiore la liberazione di un ragazzo indemoniato. E’ raffigurata la trasfigurazione di Cristo avvenuta sul monte Tabor davanti ai discepoli Pietro, Giacomo e Giovanni; Cristo è affiancato dai profeti Mosè ed Elia. In basso è raffigurata poi una folla e un fanciullo indemoniato che poi Cristo guarirà. Un tema iconografico fondamentale di quest'opera è la luce che avvolge Gesù; è la forza di Gesù che riesce a liberare il fanciullo dal demonio. Raffaello utilizza linee miste, e soprattutto curve, dal momento che rappresenta tante persone, e anche perché viene realizzato un paesaggio naturale (colline, alberi) e sullo sfondo si intravede anche una città. Il colore è uniforme; sullo sfondo si possono notare delle sfumature che indicano la luce del sole. Nella parte superiore prevalgono i colori freddi usati sia per rappresentare il cielo sia le vesti dei personaggi, in particolare la veste bianca del Cristo; nella parte inferiore troviamo qualche colore caldo utilizzato per le vesti, e qualche altro colore caldo è anche utilizzato sullo sfondo, osservabile soprattutto dalla luce rosso-giallastra del tramonto. In certi punti il dipinto è decisamente ombroso; queste ombre si possono notare in particolar modo sul lato destro; la luce è utilizzata invece per mettere in risalto sia Cristo che il fanciullo indemoniato, che possono essere considerati i soggetti principali dell’opera. L’autore vuole mettere in evidenza soprattutto il fatto che Cristo riesce a salvare il fanciullo dal controllo del demonio, e questo miracolo viene raffigurato con molta semplicità dall'autore.


Autore: Raffaello Sanzio.
Titolo: La Trasfigurazione.
Data: Iniziata nel 1518.
Collocazione: Città del Vaticano, Pinacoteca Vaticana.
Tecnica e materiali: Olio su tavola.
Dimensioni: 405 x 278.
Committenza: Commissionata da Giulio de' Medici all'inizio del 1517.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017