Video appunto: Quattrocento - Pittori di luce

I pittori di luce del Quattrocento



Domenico Veneziano



Domenico Veneziano, con il nome di battessimo Domenico di Bartolomeo da Venezia, nacque a Venezia agli inizi del quindicesimo secolo e morì a Firenze nel 1461.
Egli coniugò lo studio della pittura veneziana con quella fiamminga illuminandola di luce.


L'adorazione dei Magi di Domenico Veneziano



Domenico Veneziano, alla fine degli anni Trenta, creò questo tondo, che rappresenta la Compagnia dei Magi.
La Compagnia dei Magi, era una confraternita formata dai cittadini più affluenti della città, ed era guidata e protetta dalla famiglia dei Medici.
Quest'opera venne commissionata da Piero de' Medici nel 1438 e l'opera venne completata nel 1440.
La cultura del Gotico internazionale la si vede dalla ricchezza delle vesti dei numerosi personaggi del corteo dei Magi; mentre il resto dell'opera è strettamente legato alla cultura della pittura fiorentina del primo Rinascimento.
Il disegno è forte ed incisivo ed il suo paesaggio luminoso suscita molta ammirazione, grazie alla perfetta resa dei fenomeni atmosferici.

Fra' Carnevale
Fra' Carnevale, dal nome di battesimo Bartolomeo Corradini, fu un pittore ed un architetto, oltre ad essere un frate domenicano.

Le Tavole Barberini di Fra' Carnevale
In queste due tavole scorgiamo grandiosi architetture ricche di decorazioni classicheggianti e prospettiche (in accordo con le rigorose regole della prospettiva).
Entrambe le tavole ci mostrano una luminosa raffigurazione di edifici simili a quinte teatrali, con decorazioni che replicano quelle antiche; queste sono popolate da una molteplicità di personaggi rappresentati nei minimi dettagli secondo il gusto fiammingo.