blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Martirio delle sante Rufina e Seconda scaricato 6 volte

Mrtirio delle sante Rufina e Seconda

All’inizio degli anni venti del Seicento il nobile milanese Scipione Toso commissionò ai tre maggiori pittori lombardi del tempo - Giovan Battista Crespi, detto Cerano, Giulio Cesare Procaccini e Pier Francesco Mazzucchelli, detto il Morazzone - la tela con il Martirio delle sante Rufina e Seconda, per questo motivo meglio conosciuta come la “tela delle tre mani”. Il dipinto rappresenta un saggio degli stili dei tre artisti e allo stesso tempo costituisce un eccezionale documento della drammatica espressività che caratterizzava la pittura lombarda del’età borromaica. Nella parte sinistra della composizione, eseguita dal Cerano, l’uomo a cavallo, il putto che abbraccia il cane e soprattutto la testa mozzata di santa Seconda mostrano il gusto tragico e partecipe con cui l’artista si accostava alle scene di martirio. Tale drammaticità è ulteriormente enfatizzata dalla vena teatrale di Morazzone, che dipinse, al centro della composizione, il brutale carnefice con la spada sguainata mentre, con toni più pacati ed eleganti, fece emergere dal fondo scuro il volto dell’uomo armato e il putto in volo che porge la palma del martirio. Le figure di santa Rufina, avvolta in un ampio mantello rosso, e del biondo e riccioluto angioletto in primo piano a destra sono invece caratterizzate da dolcezza e intimità espressiva, sigle stilistiche inconfondibili dell’arte di Procaccini.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove