Video appunto: La zattera della medusa

GERICAULT





La Zattera della Medusa



La zattera della medusa è ispirata ad un fatto realmente avvenuto che sconvolse l’opinione pubblica: il naufragio della Medusa, una nave che trasportava soldati e civili. Erano in 400 e per salvarsi 150 salirono su una zattera e il resto su un canotto. La zattera era legata al canotto ma le persone che stavano sul canotto tagliarono i cavi della zattera che rimase in balìa delle onde.
Ci furono anche episodi di cannibalismo. Alla fine i naufragi vennero salvati dalla nave Argus.
Gericault sceglie il momento meno mostruoso e quello più intenso e drammatico: l’avvistamento della nave.
Affittò uno studio apposta per lavorare a questa tela chiamata Zattera della medusa, vicino l’ospedale per poter fare ogni giorno degli schizzi su dei malati e sui cadaveri. Un falegname gli fece anche una zattera per ispirarlo, su cui egli mise degli uomini di cera ma, non soddisfatto, prese dei modelli.  La zattera della medusa di GericaultE’ romantico ma anticipa il verismo per la cura scrupolosa dei malati. In La zattera della medusa rappresenta un crescendo di emozioni, dalla disperazione alla speranza. Questa ha il culmine nel ragazzo di colore che sventola uno straccio.
Compositivamente La zattera della medusa di Gericault è impostato su due direzioni: dalla base al ragazzo e da quello che sta a terra alla vela. Ci sono delle spinte contrarie: i naufraghi che vanno verso la nave e il vento che li spinge dalla parte opposta.
Il quadro La zattera della medusa è composto da due piramidi cha hanno il culmine una con il ragazzo di colore e l’altra con l’albero maestro. Le figure hanno un’influenza classica.
Gericault trasforma un dramma di cronaca in un dramma universale senza tempo. E’ ritenuto un’allegoria politica in quanto va contro il governo per il ritardo dei soccorsi ma anche contro la gerarchia accademica