blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Iacopo della Quercia - Fonte Gaia scaricato 13 volte

La fonte Gaia

Nel 1408 a Iacopo della Quercia venne commissionata le realizzazione di una fontana monumentale per Piazza del Campo a Siena, poi detta Fonte Gaia per la festa dell'inaugurazione avvenuta nel 1419. L'opera ebbe cosi grande successo che, da quel momento, lo scultore fu detto Iacopo della Fonte. Il complesso è stato sostituito nel 1904 da una copia, a causa del degrado in cui versava, ma quello che resta delle sculture originali ancora esprime le qualità dell'artista. La struttura, pur riprendendo nel bacino rettangolare quella delle tradizionali fonti gotiche senesi, rimanda ai ninfei romani. La sequenza delle statue poste nelle nicchie costituisce un'esaltazione della storia di Siena e dei suoi fondamenti religiosi e civici: al centro è rappresentata la Vergine con il Bambino, protettrice della città, affiancata da angeli e dalle virtù teologali e cardinali che presiedono al buon governo; i due rilievi alle estremità rappresentano la Creazione di Adamo e La cacciata dal paradiso terrestre; sopra di essi le statue di due donne leggendarie romane, Acca Larentia - nutrice di Romolo e Remo - e Rea Silvia - madre dei mitici gemelli - ricordano le origini di Siena, leggendariamente fondata da Senio, figlio di Remo. Acca Larentia mostra già i primi segni del Rinascimento nelle sue forme piene ispirate alla classicità, lontane dalle sottili eleganze del Gotico; la composizione è pervasa da movimento e vivacità: i due gemelli si torcono intorno al corpo della nutrice, che si volge in un movimento naturale.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove