pser di pser
Ominide 5819 punti

IL DAVID DI DONATELLO

La scultura nel Rinascimento ha nuovamente una certa importanza anche per quel che riguarda la celebrazione del personaggio; la statua più importante di Donatello è certamente il David, collocato al centro del cortile presente nel palazzo dei Medici, che erano stati i committenti di tale opera, per poter essere osservato a tutto tondo. David diventa il simbolo del bene che sconfigge il male, raffigurato come la testa di Golia presente ai piedi del David, rappresentato poco più che adolescente. Il David sarà un personaggio ripreso in seguito anche da altri autori e diventerà il simbolo della rinascita dell’uomo, della curiositas; nella statua è possibile osservare gli elementi classici della ponderazione e della proporzionalità oltre al fatto che David viene rappresentato nudo, come veniva raffigurato un atleta nell’età classica, mentre nel Medioevo abbiamo visto soprattutto con Wiligelmo, il rifiuto della nudità vista con ribrezzo. Da diversi critici dell’arte è stata notata una stravaganza presente in questa rappresentazione: il David non è completamente nudo, secondo i canoni propri dell’età classica, ma presenta un cappello e dei calzari. Proprio per questo motivo essi hanno ipotizzato che si possa trattare di Mercurio che sciaccia la testa del gigante Argo, collegato alla famiglia dei medici in quanto essa è la figura più adatta a interpretare il campo economico del commercio su cui si basava la ricchezza dei Medici.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità