Ominide 1312 punti
Questo appunto contiene un allegato
Da Vinci, Leonardo - Ultima Cena scaricato 25 volte

L'Ultima Cena (Pittura su muro, Milano, Santa Maria delle Grazie)

È una pittura in cui Leonardo sperimenta tecniche nuove: usa la tempera, la pittura a olio, realizza delle parti a secco e delle parti a fresco. Mescola delle cere ai pigmenti per creare un effetto simile a quello della pittura ad encausto che veniva usata nelle antiche ville romane. Questa tecnica dava morbidezza e luminosità ai colori, ma l'esperimento di Leonardo necessitò anche dei fuochi per tenere calda la cera. Si rivelò presto un disastro: il colore cominciò a staccarsi dal muro e l'opera a deteriorarsi.
È descritto il momento in cui Gesù dichiara agli apostoli che uno di loro tradirà. Gli apostoli sono descritti a gruppi di tre e con i loro gesti esprimono una reazione psicologica alle parole di Gesù.

Cristo è al centro isolato, quasi immobile. A destra e a sinistra si agitano le altre figure. Un dettaglio di paesaggio (Monte Calvario) si vede dalle finestre. Le linee della prospettiva ad unico punto di fuga convergono sulla testa di Cristo. Leonardo rinnova l'iconografia dell'Ultima Cena poiché pone tutti gli apostoli e Cristo sullo stesso piano e rende lo stato psicologico delle figure: Giuda che si ritrae, S. Giovanni indica il cielo, altri si appoggiano al tavolo e conversano.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017