blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Correggio - Camera della badessa scaricato 16 volte

Camera della badessa

Una delle più importanti commissioni del pittore è la decorazione ad affresco intrapresa nel 1519 della cosiddetta Camera della badessa, una delle stanze dell'appartamento privato di Giovanna da Piacenza, nobile e colta badessa del monastero di San Paolo a Parma. I soggetti prescelti sono legati al mito di Diana, dea della caccia e personificazione della luna, la cui falce compariva anche nello stemma della religiosa, e simbolo di castità e fermezza femminile. La sala, dominata da un'atmosfera in un padiglione con pergolato di foglie e frutta, la cui struttura segue quella delle vele della volta e nel quale si aprono al cielo finti oculi a cui si affacciano putti con gli attributi di Diana (cani da caccia, corni, frecce ed ecc), mentre la dea è raffigurata sulla cappa del camino, su una biga trainata da cervi e con la faretra a tracolla. Alla base del pergolato è un finto fregio con oggetti rituali classici e una serie di nicchie a lunetta dipinte a monocromo come se fossero colpite dal basso da luce radente, con rappresentazioni di divinità quali Cerere, Pan, Giunone punita per la lussuria e le tre Grazie o figure allegoriche quali la Fortuna, la Castità e la Verginità.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email