Michelangelo Buonarroti nacque in provincia di Arezzo nel 1475 e i primi studi artistici li compì nella bottega del Ghirlandaio. Per Michelangelo la mano è lo strumento che esegue la volontà dell'intelletto, il quale non può avere nessuna idea che già non preesista nel marmo. Il motivo dell'arte michelangiolesca è la lotta dell'uomo per raggiungere una meta irraggiungibile ma verso la quale tendiamo per salvaguardare la nostra dignità.

Opere fiorentine

Copia da Giotto più copia da Masaccio: Michelangelo si rivolge ai maestri fiorentini che hanno reso le forme maschili attraverso il chiaroscuro volumetrico. Le copie di Michelangelo invece sono personali perché il suo chiaroscuro è ottenuto mediante un tratteggio a reticolo fitto che segue l'andamento delle sporgenze e delle rientranze.

Madonna della scala: la Madonna occupa la lastra ed è appoggiata sul bordo inferiore. La scala con alti gradini non crea profondità spaziale ma incombe drammaticamente sul davanti.

Prime opere romane

Battaglia dei Centauri: il tema è ispirato da Poliziano e parla dei Centauri (esseri per metà uomini e per metà cavalli). Essi furono cacciati da Piritòo (re dei Lapiti) perché volevano rapire la sposa grazie al dio Apollo e a Teseo.

Pietà di San Pietro: quest'opera non mostra il dolore ma rappresenta la vita e la morte che raggiungono la perfezione divina. Ha forma piramidale il cui vertice è rappresentato da Maria che esprime il superamento delle cose terrene e il raggiungimento della bellezza ideale; mentre Gesù è raffigurato in modo verosimilmente umano.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email