Bernini ebbe una formazione romana. La sua carriera si svolse all'interno della curia papale, di cui fu il massimo esponente artistico.
Egli non percepisce più le tre arti maggiori (architettura, scultura e pittura) in modo separato, come nel Rinascimento, ma le immagina come in un'unica forma espressiva. In particolare:


    L'architettura prende dalla scultura le forme sinuose

    la scultura prende le luci e le ombre dalla pittura

    La pittura arriva a risultati illusori elevatissimi

Con Bernini si ha la massima fioritura dell'arte barocca. in lui si ritrovano l'equilibrata presenza di fantasia e classicità. Trasgredisce, infatti, le regole del Classicismo.

"Apollo e Dafne"

la scultura rappresenta Apollo che rincorre Dafne, che sta per trasformarsi in alloro. Si ritrovano la compresenza di fantasia e classicità.
Il senso di movimento è dato dal piede di Apollo.

Ci sono il prevalere delle linee curve, la grazia dei panneggi e la levigatezza, tipiche della pittura.

Estasi di Santa Teresa

Nella scultura si vede Santa Teresa in estasi mistica, con l'angelo che sta per trafiggerle il cuore con la freccia (molto simile a cupido).
Dietro, una cascata di raggi dorati.
Ai lati, la famiglia Cornaro (i committenti) che assistono sbigottiti dai balconcini.
L'espressività è intensa, con atteggiamenti enfatizzati simili a quelli di attori.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email