Ominide 644 punti

Settecento: aspetti generali


Nel Settecento si assiste all'ascesa progressiva della borghesia come nuova classe dirigente che spazza via la monarchia in particolare con l'avvenimento della Rivoluzione Francese.


La civiltà del settecento è legata alla cultura illuminista e quindi anche l'arte. Nell'ambito della cultura illuminista infatti si sviluppa l'estetica (la filosofia dell'arte ) e la critica legata ai salons ed esposizioni d'arte.

Nel corso del '700 si sviluppano due stili molto importanti: il Rococò e il Neoclassicismo. Il Rococò o anche detto Rocaille si sviluppa in Francia presso la corte di Luigi XV. Con il termine si indica un tipo di decorazione a forma di conchiglia decorativa. Verso il 1730 il termine passa a generare un nuovo stile caratterizzato da linee ondulate e accartocciate che derivano dallo stile della decorazione barocca. Il Rococò si contrappone al barocco perché risulta avere una visione più agevole in cui prevale il gusto per le piccole dimensioni e i piccoli particolari minuti.

Il Neoclassicismo si sviluppa prevalentemente in Italia e Francia e diviene lo stile dominante verso la fine del '700 primi '800. Alla nascita del Neoclassicismo contribuiscono gli scavi archeologici compiuti attorno al 1750 a Roma, Ercolano e Pompei e su studi classici. Il neoclassicismo strumentalizzerà le virtù civili della Roma Repubblicana mentre l'epoca napoleonica cercherà i suoi modelli in quella della Roma Imperiale.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email