blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Andrea del Castagno - L'Ultima cena scaricato 20 volte

Andrea del Castagno - L'Ultima cena

L'Ultima cena dipinta nel refettorio del convento fiorentino di Sant'Apollonia nel 1447 inserisce il racconto evangelico entro un improbabile scenario architettonico, composto da raffinati marmi policromi e da panche decorate da sfingi bronzee, che pare più un piatto sfondo teatrale che uno spazio dalla profondità reale. Le figure di Cristo e degli apostoli sono disposte al di là di un lungo tavolo, la cui candida tovaglia è quasi una linea astratta che taglia la composizione fatta di decorazioni; solo Giuda, secondo una tradizione iconografica che sarebbe continuata fino al rivoluzionario Cenacolo di Leonardo da Vinci, siede al di qua del tavolo. La gamma cromatica, già indagata in mille sfumature nelle pareti dello sfondo, è ulteriormente variegata nelle vesti dei personaggi. Gli atteggiamenti degli apostoli sono individualizzati, ma tutti i volti sono accomunati da una forzatura espressiva che, attraverso linee arcate, ottolinea zigomi, occhi e naso (volutamente estremizzati sono i tratti semitici di Giuda e l'uso di toni cupi per la sua figura). L'Autore deriva da Donatello l'uso incisivo delle ombre, la linea tormentata e la drammatica espressività.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email