Ominide 2984 punti

In Inghilterra lo sviluppo del Neoclassicismo si attuò soprattutto nell’ambito dell’edilizia residenziale e venne mediato dallo studio dell’opera di Andrea Palladio, ragione per cui si parla spesso di Neopalladianesimo. Per progettare ville e palazzi, l’architetto veneto si era infatti ispirato all’antichità classica, studiando l’opera di Vitruvio e le antichità romane, rielaborandone i principi nella formulazione di un proprio linguaggio architettonico. Il maggiore architetto attivo in Inghilterra nella seconda metà del XVIII secolo fu certamente Robert Adam. Negli anni della sua formazione, tra il 1754 e il 1758, Adam ebbe modo di soggiornare quattro anni in Italia. Qui sviluppò un interesse particolare per l’architettura domestica antica che influenzò la sua attività successiva: gran parte delle sue opere consiste infatti nella trasformazione o nell’ampliamento di residenze di campagna già esistenti. Uno dei suoi interni più riusciti è l’anticamera di Syon House, un edificio medievale nei pressi di Londra che Adam ristrutturò tra il 1762 e il 1769. Si tratta di un ambiente definito da dodici colonne perimetrali di marmo grigio-verde rinvenute nel letto del Tevere, sormontate da capitelli, progettati dallo stesso Adam, ispirati a quelli del tempio dell’Eretteo dell’acropoli di Atene, mentre l’architrave è dominato da una serie di statue dorate che si rifanno alla decorazione degli edifici pubblici romani.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017