Juvarra

Dopo la prima formazione in Sicilia, aveva studiato a Roma venendo a contatto con le architetture classiche rinascimentali e barocchi; in seguito si era aggiornato sugli sviluppi del Rococò d’oltralpe grazie ai soggiorni nelle maggiori capitali europee. Rimase a Torino per ventuno anni, per poi trasferirsi a Madrid dove realizzò il palazzo reale di Filippo V (lo lasciò incompiuto perché morì).

Basilica di Superga

Prima opera torinese progettata a partire dal 1715. La basilica doveva divenire mausoleo della famiglia reale. La Chiesa a pianta centrale costruita attorno a un corpo cilindrico preceduto da un pronao di forme classiche. La zona centrale è coperta da una cupola simile a quella di San Pietro e affiancata da due ali simmetriche sormontate da due campanili. Al lato opposto della facciata si apre il chiostro del convento.

L’edificio unitario grazie a : proporzioni, balaustra continua che lega gli elementi, motivo delle paraste giganti. La posizione sopraelevata conferisce solennità alla basilica che non si lega al paesaggio, ma tende a dominarlo.

Palazzo Madama

Juvarra ne realizzò solo la facciata; un basamento in bugnato sostiene un unico ordine monumentale scandito da paraste e colonne tra le quali si aprono ampie finestre centinate sormontate da altre più piccole rettangolari. Nella parte superiore c’è una balconata con elementi scultorei.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email