Scheda di lettura della Venere di Willendorf


Dati anagrafici


Titolo: Venere di Willendorf
Autore: anonimo
Data: 26.000-25.000 anni fa circa
Coll. Attuale: Naturhistoriches Museum (Vienna)

Componente operativa


Linea: curva, sinuosa, morbida, incisa sulle braccia e sulla testa, costruttiva e particolareggiata sul capo
Linea di forza: asse di simmetria verticali e orizzontali (: linea retta), cerchi, linea orizzontale ondulata del capo, linea sotto il seno e sotto il ventre, linea che unisce le ginocchia
Colore: colore della pietra e pigmento rossiccio non più presente
Luce: la Venere presenta parti più luminose, le parti sporgenti, e parti più scure, le parti incavante: ciò comporta la presenza dell’effetto chiaroscurale. Sulla testa della Venere, l'effetto chiaro-scuro prende il nome di “vibrazione luministica”. Nel corpo, invece, ha una funzione costruttiva: costruisce il volume della scultura.
Spazio: tridimensionale
Volume: tridimensionale
Movimento: statico (prevalgono linee verticali e orizzontali)
Composizione: equilibrata e simmetrica

Funzione: magico-propiziatoria→ augurava la fertilità. Simbolica→ rappresentava la fertilità, la donna e la terra
Significato: le forme accentuate portano a pensare che simboleggi la fertilità e la procreazione

Hai bisogno di aiuto in Preistoria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email