Ominide 127 punti

I nuraghi sardi

La civiltà nuragica era una civiltà guerriera risalente al Neolitico che si diffuse in Sardegna verso la fine dell'età del bronzo.Il nome della civiltà è legato al nome delle abitazioni-fortezze nelle quali abitavano: i nuraghi (dal sardo "nuraghes" o "Nuraxi").
I nuraghi sono torri di forma tronco conica, che possono raggiungere un'altezza di venti metri e un diametro di cinquanta metri alla base. Essi sono tra i monumenti megalitici meglio conservati d'Europa, sorprendente se consideriamo che i nuraghi venivano costruiti "a secco" senza alcuna sostanza legante. Ne sono presenti in buono stato circa 7000 esemplari. Le loro funzioni principali consistevano nel controllare il territorio circostante e accogliere le persone che si trovavano in pericolo.
Senza dubbi, il complesso nuragico più affascinante e importate è Su Nuraxi a Barumini, circa a 60 km dal capoluogo sardo (Cagliari). Esso è costituito da un nuraghe al quale furono state aggiunte quattro torri ai lati. Intorno al villaggio erano presenti delle mura di pietra spesse circa due metri. Intorno alla fortezza erano presenti circa cinquanta capanne di pietra, le quali furono abitate fino al IV secolo d.C. I nuraghi oggi sono fonte d'attrazione per i turisti e di recente è stato avviato un progetto per rendere possibile la vista degli angoli meno accessibili dei nuraghi alle persone inabili fisicamente,tramite delle apposite telecamere poste nei caschi delle guide che trasmettono le immagini in diretta ad un monitor posto in un'area relax del complesso nuragico.

Hai bisogno di aiuto in Preistoria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email