Video appunto: Arte preistorica

L'arte preistorica



Con il termine arte preistorica si intende ogni forma d'arte creata tra il paleolitico (500 mila anni a.C.) e la fine dell'età del bronzo (circa il 1200 a.C.)
La forma d'arte che è giunta a noi in maggior quantità sono i murales e piccole statue chiamate veneri.
Le pitture rupestri sono state riconosciute come tali solo verso la fine del 1800.
Per realizzare le pitture si utilizzavano colori naturali spesso composti d a ocra mischiata con grasso animale e acqua o qil carbone. Il colore veniva applicato attraverso: rudimentali pennelli, semplici bastoncini o spruzzati dalla bocca. Le pitture rupestri più antiche sono:

    Le grotte di Lascaux (Francia), un complesso archeologico in cui sono presenti per lo più raffigurazioni d'animali, ma sono anche presenti rappresentazioni di esseri umani e segni astratti.
    La grotta di Altamira (Spagna), al cui interno sono presenti pitture rupestri di mammiferi e calchi di mani umane.
    La Valle Camonica (Italia), sono presenti graffiti risalenti dal mesolitico fino all'età moderna.
    La grotta di Chauvet (Francia), in cui sono presenti numerose incisioni e pitture di animali di vario genere. Le figure hanno un dinamismo potente e la mancanza di definizione (molte sono abbozzate, ma non terminate) contribuisce a dare all'insieme un carattere magico e quasi ipnotico. Gli animali paiono uscire dalla roccia stessa o rientrarvi a seconda della prospettiva e dei giochi di luce. Questo tipo di organizzazione estetica è comune a tutta l'arte visiva della preistorica.

Le veneri paleolitiche sono delle piccole statue (l'altezza varia dai 4 ai 20 cm) raffiguranti delle donne "in carne", dalle forme prosperosa e il viso non definito. L'ipotesi più accreditata è quella che queste statue stiano a simboleggiare la Dea Madre ossia una divinità che personificasse la ciclicità della natura generatrice e distruttrice. Ad avvalorare questa tesi vi è il fatto che le veneri presentino dei piedi di forma condundente affinché potessero essere piantate nei campi, destinati alle coltivazioni come buon auspicio per il raccolto. Un'altra ipotesi è quella che le veneri non siano altro che rappresentazioni delle donne dell'epoca.
Un'altra forma d'arte presente nella preistorica sono le megaliti. Le megaliti sono delle costruzioni composte da singole o più pietre di grandi dimensioni, esse sono associate al culto dei morti e ai riti religiosi. Le megaliti possono avere varie tra cui quelle più comuni sono due:

    Il menhir; pietra singola, grezza, conficcata nel terreno
    Il dolmem; composto da due pietre verticali che fungono da colonne e una terza pietra orizzontale che funge da architrave.

Senza dubbio il più celebre sito megalitico è Stonehenge, altri siti sono:

    Gli allineamenti di Carnac (Francia).
    I tempi megalitici di Malta.
    Il cerchio di Brodgar (Scozia).