sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-Il Realismo-

Il Realismo è una corrente artistica sviluppatasi in Francia negli anni quaranta del 1800.

I suoi maggiori esponenti furono: Courbet, Millet e Daumier.

Contemporaneamente al movimento Realista, si sviluppò la Scuola di Barbizon, in Francia, i cui pittori si dedicavano alla realizzazione di pitture i cui soggetti principali erano i paesaggi, infatti era definita una scuola ‘paesaggista’.

I pittori realisti hanno la caratteristica di rappresentare una realtà non contaminata, ma una realtà fedele a ciò che è, a ciò che l’uomo vede dal vivo/vero.

Lo sviluppo del Realismo è legato anche a quello del Positivismo, che era legato alle scoperte scientifiche e alla rivalutazione della scienza; sul piano economico e lavorativo, il Realismo è legato alla Rivoluzione Industriale, grazie alla quale vennero abbandonate le campagne e venivano maggiormente abitate le città, dove il popolo però viveva in condizioni molto precarie (il combattere le condizioni precarie portò alla nascita delle idee socialiste).

Dal punto di vista letterario, si sviluppò il Naturalismo, dove i personaggi delle novelle sono persone umili ed esse trattano di storie vere e crude.

Il Realismo Francese vuole rappresentare in modo oggettivo e crudo le condizioni sociali e lavorative degli operai sfruttati dalla borghesia.
La Scuola di Barbizon si dedicò invece alla descrizione del paesaggio, andando oltre a ciò che era stato fatto in precedenza dai Vedutisti.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email