blakman di blakman
VIP 9176 punti

Moore, Henry - Tube Shelter Perspective

La figura umana è al centro dell'interesse dell'inglese Henry Moore, nelle cui opere la tradizione plastica si coniuga con una grande novità di linguaggio. Influenzato dalla scultura precolombiana e africana e segnato dall'incontro a Parigi con Picasso e Arp, dal quale ereditò un certo gusto per l'astrazione, nei primi anni quaranta Moore cominciò a meditare sul tema della statura mitica e allo stesso tempo tragica dell'uomo. L'occasione gli fu offerta quando, come war artist, fu incaricato dall'esercito britannico di riprendere le sofferenze della popolazione durante la Seconda guerra mondiale. Il risultato fu una famosa serie di taccuini di disegni dedicati alla vita dei londinesi accampati nelle stazioni della metropolitana, trasformate in rifugi antiaerei: ne è un drammatico esempio Tube Shelter Perspective (Prospettiva di rifugio in metropolitana), dipinto nel 1941. L'insieme dei corpi stesi gli uni accanto agli altri è ispirato alla posizione dei defunti nelle antiche necropoli: Moore collega così la condizione della società londinese dell'epoca, sconvolta dalla guerra, a forme di sacralità del passato. Le figure coricate, dai volumi abbozzati e in forte risalto cromatico rispetto allo sfondo scuro su cui si collocano, anticipano l'impostazione dei futuri cicli scultorei dell'artista.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email