Ominide 481 punti

Edgar Degas (1834-1917)


Degas nasce nel 1834 in una famiglia nobile e molto abbiente. Studia all’Accademia di Belle Arti e si forma nell’atelier di Ingres a Parigi, acquisendo così una formazione tradizionale con aggiornamenti Realisti. Metà della famiglia vive a Napoli, e per questo Degas decide di completare la sua educazione artistica nella città partenopea, poi a Roma e a Firenze, nella quale frequenta il Caffè Michelangelo. A causa del padre, non contento della sua carriera artistica, è costretto a tornare a Parigi. Qui si appassiona di fotografia, traendo ispirazione da fotografia come Muybridge nella rappresentazione di corse di cavalli, ed entra in contatto con gli Impressionisti, da cui acquisisce il delineamento delle immagini e la linea di contorno. Si inserisce così nella vita parigina, che verrà raffigurata anche nelle sue opere (locali, ballerine, prove di spettacoli). Degas tuttavia rifiuta la pittura en plein air, convinto che essa debba essere preceduta da uno studio e una riflessione approfonditi. Per questo motivo egli prima di realizzare i suoi dipinti si dedica a numerosi schizzi, che vengono poi rielaborati in atelier. Dagli Impressionisti però si differenzia per la linea e la composizione dei suoi quadri. Ma nonostante le differenze stilistiche, Degas partecipa al movimento artistico, condividendo la sua esperienza, e portando l’arte della corrente oltreoceano durante un viaggio negli Stati Uniti. La pittura dell’artista sarà caratterizzata da istantaneità, colori puri dati à plat, l’influenza del giapponismo e numerose sperimentazioni tecniche, come l’utilizzo di colori a olio e/o pastelli a cera, ma anche la creazione di monotipi (incisioni uniche).
Famose sono le sue raffigurazioni di ballerine, mai immortalate durante spettacoli, ma sempre durante le prove e in posizioni e comportamenti privi di fascino e raffiguranti la fatica fisica.
Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email