Video appunto: Metafisica - Caratteristiche principali

Metafisica



Dove.
In Italia.

Quando.
Nel 1917.

Ad opera di chi.
De Chirico e Carrà.

Interessi e fonti.
Miti greci, teorie freudiane, simbolismo, barocco, filosofia di Nietzsche e Schopenhauer.

Il nome.
Si riferisce alla branca della filosofia che indaga la realtà che si trova al di là della percezione dei sensi e allude quindi al loro tentativo di comprendere questa realtà misteriosa tramite l'arte.


Lo scopo.
Fare dell'arte l'interprete di un mondo indecifrabile e nascosto alla comune percezione dei sensi, interpretando quindi la realtà tramite rappresentazioni apparentemente senza logica in quanto spazi e oggetti perdono il loro significato abituale divenendo rivelazioni della realtà nascosta.

Il linguaggio artistico.
Recupera la tradizione tecnica ma evoca un altrove lontano dietro alla realtà percepita dai sensi attraverso personaggi enigmatici, luoghi spopolati e disorientanti, molteplici punti di vista, figure immobili, luci attutite, statue-manichini senza vita, atmosfere misteriose e sospese, luoghi urbani trasformati in palcoscenici inquietanti, accostamento di oggetti incongrui, prospettive e ombre allungate, dimensioni senza tempo, scorci incoerenti che creano inquietudine.

I principali esponenti.
I principali esponenti di tale movimetno sono De Chirico, Carrá, Savino.