Ominide 1075 punti

Kazimir Severinovič Malevič - opere e percorso

Malevic pian piano realizza una composizione con la Monna Lisa, sotto l’influsso del cubismo sintetico e del futurismo. Si vuole rompere con il passato e dare forza ai giovani: entrambi aderiscono al bolscevismo e alla rivoluzione del ’17. La gioconda viene ritagliata e ripassata con una X: simbolo che si vuole togliere l’arte del passato per lasciare spazio alla nuova arte. Il percorso di Malevic, dalla scomposizione geometrica, dall’uso delle parole e dallo sconvolgimento del linguaggio artistico, va verso l’astrattismo, ma passa ancora al di là di ciò che si è visto con Mondrian. Arriva al massimo: quadrato nero su fondo bianco (1915).
In Russia, rispetto all’Olanda, c’è una condizione più austera e drammatica: c’è l’idea di austerità che viene resa da questa situazione. Quello che cerca Malevic sono i minimi termini (suprematismo). L’evoluzione di ciò è quadrato bianco su fondo bianco. Si ruota leggermente il quadro. Ciò si sposa con un ideale di povertà e l’essere integerrimi: la superiorità dell’idea che prevale su tutto. Passando davanti all’opera si è più spinti a pensare più che a vedere.
Maiakovskij si suicida nel 1930. Si va verso lo stalinismo e la dittatura, quindi anche Malevic e Maiakovskij cominciano a venir malvisti. Probabilmente dietro al suicidio c’è la delusione di una rivoluzione malriuscita. Malevic viene imprigionato e muore in carcere. Egli viene chiamato a fare una mostra in Germania e ciò viene visto da Stalin e gli altri come un tradimento. Gli viene ordinato di rientrare in Russia. Quando lo fa viene imprigionato. I suoi dipinti rimangono in Germania nelle collezioni tedesche. Ci sono molte opere non catalogate. Malevic viene tradito dalla stessa rivoluzione russa.
Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email