Ominide 1312 punti
Questo appunto contiene un allegato
Kirchner, Ernst Ludwig - Cinque Donne nella Strada scaricato 36 volte

Cinque donne nella strada (1913)

Ernst Ludwig Kirchner (1880- 1938) fu uno dei fondatori del gruppo di artisti del Die Brücke (Il Ponte) nel 1905, uno dei primi nuclei dell’Espressionismo tedesco.
L'artista fu influenzato da Nietzsche che scrisse “Così Parlò Zaratustra” nella quale il filosofo indica la sua filosofia del superuomo e il concetto di volontà di potenza.
Infatti Kirchner aspira alla costruzione di un ponte ( = Die Brücke) verso il superuomo attraverso l'arte per il futuro.
Il gruppo però si sciolse per incomprensioni e rivalità interne, e allo scoppio della prima guerra mondiale l'artista si arruolò, ma questo gli provocò un forte shock che gli provocò un esaurimento nervoso da cui non riuscì mai a riprendersi completamente, nonostante le sue esposizioni guadagnassero sempre più successo.

Durante il Nazismo, in seguito alla condanna da parte del regime dei suoi lavori e il peggioramento delle sue condizioni fisiche, l'artista morì suicida a Davos, in Svizzera.
Il quadro Cinque donne nella strada, dipinto a Berlino nel 1913, mostra una stesura uniforme dei colori acidi e stridenti che l'artista sceglie per la rappresentazione del soggetto urbano, e di queste cinque donne che appaiono come prostitute. Le figure appaiono esageratamente deformate: questa è una forma di primitivismo (tendenza dell'arte del '900 a semplificare le forme e deformarle come nelle sculture dei popoli extraeuropei ad esempio Africa del nord e sud).
I cappelli piumati sembrano uccelli che conferiscono alle figure l'aspetto di corvi neri, esse contrastano con uno sfondo giallo/verde che allude alla luce innaturale di un lampione. Queste prostitute sono ritratte in una realtà bidimensionale. Esprimono il disagio e la degradazione contemporanea.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017