Ominide 1747 punti

Paul Cézanne

Paul Cézanne nacque il 19 Gennaio 1839 ad Aix-en-Provence da una famiglia proprietaria di una fabbrica di cappelli. Iniziò a studiare diritto, ma interruppe poco dopo gli studi per dedicarsi alla sua vera passione: l'arte.
Inizialmente partecipò alle mostre degli impressionisti, dai quali apprese a dipingere en plain air e la ricerca della massima luminosità dei colori.

Cézanne usa la linea di contorno e definisce i volumi con ombre tratteggiate. Secondo lui nella pittura c'erano l'occhio e il cervello: rifiutava la sola percezione della natura, infatti lui studiava i soggetti tramite la geometria.

La casa dell'impiccato a Auvers-sur-Oise:
Usa piccoli tocchi di colore senza mischiarli tra loro. Geometria delle case ben studiata.

I giocatori di carte:
Due uomini in un osteria giocano a carte davanti allo specchio. Apparte il tema tipicamente impressionista (vedi L'assenzio o Il bar delle Folies-Bergères) non c'è altro che ricordi questo movimento. Lo specchio sembra far parte della parete del bar e i giocatori in primo piano sono costruiti tramite cilindri e sfere facendoli sembrare a dei manichini. Anche la tovaglia è definita per superfici geometriche che la fa apparire rigida.

La montagna di Sainte-Victoire:
Negli ultimi anni della sua vita Cézanne dipingerà più volte la montagna di Saint-Victorie vista da più prospettive e sempre in modo diverso. In questi dipinti tutto viene scomposto e rappresentato tramite superfici geometriche. Inoltre crea una profondità senza prospettiva usando i colori.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove