blakman di blakman
VIP 9176 punti

Architettura - Postmoderno

Nei venti anni che hanno fatto seguito alla Seconda guerra mondiale, in tutto il mondo industrializzato si è costruito moltissimo, secondo canoni funzionalistici e sostanzialmente indifferenziati. Una delle idee di base del lungo periodo dell’espansione delle città,quella di sostituire i vecchi quartieri con i grandi grattacieli, cominciò a essere fortemente contestata dalle nuove generazioni di architetti. Ne è nato un movimento che ha preso il nome di Postmoderno. I suoi esponenti hanno indicato i limiti della città moderna: una periferia senza qualità, l’ambiente urbano impoverito di valori collettivi, diventato una giungla d’asfalto e un semplice dormitorio, la perdita di caratteri locali e in particolare l’assomigliarsi delle periferie di tutto il mondo, simili le une e le altre. Gli architetti del Postmoderno si ripromettono di superare questa situazione abbandonando la fredda razionalità dei grandi maestri del Novecento, ritornando alla decorazione e reintroducendo elementi dell’architettura classica, come le colonne e i capitelli. Intanto il millennio si è chiuso con una sfida lanciata da architetti e ingegneri a Greenwich, dove passa il meridiano sul quale sono regolati gli orologi di tutto il mondo.

Hai bisogno di aiuto in Arte moderna e contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email