Ominide 2387 punti

Palazzo del Capitano a Orvieto: (1250) è uno dei primo modelli di palazzo pubblico la facciata non ha decorazione pittorica ma è scandita da arcate che costituivano la loggia. Presenta una grande sala coperta a capanna con archi ogivali e volte a botte e poi venne aggiunta la scala e la balconata. Successivamente venne aggiunta la torre campanaria

Palazzo dei Papi di Viterbo: (1266-67) è simile al precedente; ha cornici continue e merlature. L'accesso avviene tramite uno scalone. Ha una loggia goticheggiante, all'antica che si apre sul lato della piazza con un gioco di archi sorretti da slanciate colonnine con archi a tutto sesto e mezzi archi. Con finestre bifore.

Palazzo Comunale di Piacenza: è più simmetrico ed ha la loggia sotto con la sala sopra. Ha una merlatura e caratteri goticheggianti (archi ogivali). Ha un gioco cromatico interessate con dettagli quasi arabeggianti e molto elaborati e una corte interna. Si erge su un grandioso portico terreno ad archi acuti rivestito in pietra bianca e marmo rosso di Verona che crea un forte contrasto col livello superiore, in mattoni. L'interno è tutto occupato dal grandioso salone architravato

Loggia dei Militi di Cremona: Presenta trifore ogivali e prevale maggiormente il vuoto anche se la struttura deriva dalla fortezza. Ha un'ampia arcata dove poggia la grande sala. Veniva usata per le riunioni della "Società dei Militi" (alla quale appartenevano i più ricchi ed eminenti abitanti della città) ma serviva anche alla custodia di bandiere, statuti e altri oggetti sociali.

Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email