Duomo di Monreale


La descrizione e lo stile


La chiesa, di dimensioni grandiose, ha una pianta basilicale a tre navate, simile a quella della Cattedrale di Cefalù, con colonne di marmo adorne di capitelli corinzi e figurati, provenienti da un'antico edificio pagano, e un soffitto ligneo a capriate. La facciata è chiusa da due possenti torri quadrangolari e mostra una prodigiosa sovrapposizione di archi intrecciati (la cui visuale è parzialmente coperta dal portico aggiunto nel Settecento), con una decorazione certamente eseguita dalle maestranze arabe che, come indicano le fonti, erano impegnate nel cantiere. La decorazione si estende anche nelle absidi, con vivaci effetti di chiaroscuro e sottili variazioni cromatiche dettate dall'alternarsi di materiali diversi: il calcare chiaro, il laterizio rosso e la pietra lavica nera.
All'interno le pareti del capocroce ( la parte della chiesa oltre il transetto) e della navata centrale sono rivestite da mosaici a fondo oro, eseguiti tra il XII secolo e XIII da maestranze in parte locali e in parte veneziane, formatesi alla scuola bizantina. I mosaici raffigurano storie dell'Antico e del Nuovo Testamento; nel catino absidale mediano si trova la colossale figura del Cristo Pantocratore ("che tutto governa"). Guglielmo II era attratto dal mondo raffinato delle corti musulmane, ma nel duomo di Monreale si mostra attento ai buoni rapporti con Papato e fa magnificare, nel ciclo di mosaici, le vicende dell'Antico testamento che precedono e preparano l'avvento della Cristianità.
Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email