blakman di blakman
VIP 9176 punti
Questo appunto contiene un allegato
Arte etrusca - Tomba dei Tori scaricato 3 volte

La Tomba dei Tori

La Tomba dei Tori è una delle numerose tombe affrescate rinvenute nella necropoli di Tarquinia (Viterbo) e apparteneva all'aristocratica famiglia degli Spurinna. Nella parete di fondo della prima camera, dove si aprono due porte di accesso a quella mortuaria, si trova il programma decorativo più complesso. Sull'architrave corre un fregio con due scene erotiche, cui assistono i due tori bianchi (uno con testa umana) che hanno dato il nome alla tomba. Nello spazio compreso tra le due porte, suddiviso in due registri, è invece raffigurata una scena mitologica: Achille, con indosso la corazza, è nascosto dietro l'altare di Apollo, dove attende di poter assalire l'ignaro Troilo, giovanissimo principe troiano figlio di Priamo, raffigurato nudo e a cavallo in un paesaggio con un albero e alcune piante. Lo stile ricorda quello dei vasi greci a figure nere, rispetto ai quali c'è forse maggiore naturalismo nella rappresentazione dell'eroe nascosto. E' probabile che l'affresco sia stato realizzato da un ceramista greco immigrato, messo a dura prova dal passaggio dalle dimensioni del vaso a quelle di una parete, come sembrano rivelare le incertezze nella composizione. Il programma figurativo è comunque raffinato e complesso: il tema scelto per la decorazione della tomba allude alla morte del giovane eroe, assimilata a un sacrificio per il fatto che si svolge presso un altare e per la differenza di età tra i protagonisti, il cui scontro era dunque impari. La nudità di Troilo non descrive però solo la sua giovane età, ma evoca anche il tema erotico del suo legame con Achille, legame che nel mito è insieme di amore e morte.

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email