VIP 2446 punti

I NUOVI SOGGETTI DELLA SCULTURA CRISTIANA

-Nelle testimonianze più antiche della cultura figurativa cristiana,risalenti al 3°secolo d.C. si noto un gusto piuttosto popolare ,teso alla ricerca di una comunicazione immediata del contenuto delle immagini e dipendente spesso dalla committenza, per lo più ceti non elevati.
-Nel 4°secolo d.C. l’affermazione del cristianesimo in tutti i ceti sociali cambiò la situazione e la scultura e la pittura cristiane acquisirono una molteplicità di linguaggi figurativi, in cui prevalse, presso i ceti elevati un gusto più legato alla tradizione classica.
-I sarcofaghi sono forse il monumento che più di ogni altro caratterizzò la cultura artistica cristiana.
Le novità riguardarono le decorazioni figurate di casse e coperchi: furono introdotti temi cristiani,prima in forme meno evidenti (quali le scene pastorali) e poi creando nuove iconografie per illustrare scene bibliche ed evangeliche.

I sarcofaghi conobbero un’evoluzione compositiva,dalle forme più semplici in cui la cassa era occupata da un fregio continuo fino a soluzioni più complesse con due registri di rilievi inseriti in decorazioni architettoniche elaborate.
-Nel corso del 3°secolo d.C. nacque e si sviluppò il linguaggio figurativo cristiano,che si rifaceva in gran parte all’iconografia pagana ma attribuendole significati nuovi o allegorici.
Le figure dell’orante e del Buon pastore,le immagini della Madonna con il Bambino e degli angeli con le ali hanno tutte precedenti pagani.
-Un problema delicato fu la creazione dell’immagine di Cristo,della quale nacquero due versioni,una barbata e una imberbe: la prima derivava dal modello del filosofo carismatico, l’altra si basava su quello del fanciullo divino, una sorta di nuovo Apollo,legato all’espressione di una perfetta bellezza.

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email